• 13 Giugno 2024 14:34

Day by day

articoli, recensioni ed eventi

Una ferita aperta

DiBruno Lanata

Set 11, 2021

Può un romanzo far riflettere su agomenti critici, complessi, e per certi versi scabrosi come quello della pedofilia? Non solo, ma molte volte riesce ad anticipare vissuti e concetti che successivamente vengono elaborati dalle scienze psicologiche e sociologiche.

Un vero e proprio pugno allo stomaco che obbliga a riflettere perché parla attraverso le reazioni e le motivazioni dell’essere umano. Una ferita aperta non è un libro sulla pedofilia ma la storia di un pedofilo e della sua vittima. Attraverso una narrazione, a volte reale, a volte immaginaria, capace di penetrare nelle risonanze emozionali della sofferenza, dei sentimenti e delle passioni esistenziali il libro coglie nei suoi aspetti più reconditi la vergogna, la mortificazione, il dolore e il rimorso inquietante dell’essere violentato.
A 13 anni, Gianni è vittima della pedofilia e del suo tabù, complice la sua stessa famiglia. Vive il tormento di ripetuti abusi sessuali vissuti in casa sua. Tenta di aggirarli, mascherali per una questione di sopravvivenza. Si difende con l’idea che tutto ciò non sia mai successo. Ma la seduzione, la violenza e i giochi erotici particolari dell’abusante continuano fin quando la sua angoscia supera i livelli di guardia. Allora i suoi impulsi violenti, l’infelicità, le fantasie sessuali e i sentimenti negativi impressi nella profondità del suo animo dal pedofilo, lo spingono nella decisione di agire da solo contro la tristezza e la realtà di una vita deviata e tortuosa. Gianni è solo, ma riesce a cercare sé stesso con l’aiuto della psicologia e dell’affetto di alcune persone che gli sono vicino per dieci anni della sua vita. Gianni riscopre l’affetto della nonna, che, assieme a una coppia di amici e a uno psicoterapeuta lo aiutano a ritrovare il coraggio di reinserirsi con fiducia nella vita e di aprirsi all’amore per Sandra che irrompe  nella tenebra e risuona nella sua vita con la forza di un laicissimo Magnificat.
Il risultato è un romanzo che lavora nel profondo, lasciando una traccia nella memoria, perché suscita un forte desiderio di continuare a leggerlo per cercare di capire se non di comprendere gli enigmi della realtà che abbiano a che vedere con il cuore umano, con le sue gioie e la sua sofferenza, i suoi slanci e i suoi sbandamenti, la sua grandezza e i suoi abissi.
Di recente il mondo scientifico si è sempre più occupato dell’adulto abusante e del minore abusato. Sono stati segnalati nel mondo milioni di minori, di ambo i sessi, vittime di violenze sessuali che fruttano un giro d’affari astronomico, in costante crescita esponenziale. Una ferita aperta ci presenta una storia toccante che mostra come questa piaga sociale possa facilmente proliferare laddove trovi un humus favorevole di alleanza socio-familiare.

Gli autori

Studiosi di psicologia, psichiatria sociale, antropologia culturale, sociologia e musicologia, Renzo Rocca e Giorgio Stendoro hanno elaborato a partire dagli anni Settanta un’innovativa metodologia di psicoterapia, la “Procedura Immaginativa” che costantemente aggiornano attraverso l’attività clinica e di ricerca svolta sia in Italia che negli Stati Uniti. Dagli anni Ottanta si occupano, inoltre, dell’inquadramento diagnostico e riabilitazione della balbuzie con l’innovativa metodologia “Stendoro-Rocca”. Sono autori di molteplici pubblicazioni: 4 monografie, alcune centinaia tra articoli scientifici e divulgativi, 13 libri in italiano, e curano la Collana di Psicologia Clinica Rocca – Stendoro per i tipi di Armando Editore, Roma. Disponibili ad avvicinare l’ampio pubblico alle tematiche psicologiche di interesse sociale, partecipano a seminari, convegni, trasmissioni televisive e radiofoniche nazionali e internazionali.

“….non devo farmi illusioni. Dentro di me, là dove l’inconscio scatta le sue fotografie, io custodisco delle immagini di cui non riesco a liberarmi. Una ferita aperta…”.

Stendoro_CopertinaOK

Una ferita aperta è un libro scritto, con chiarezza e senza pregiudizi, nel rispetto per la vita e per il valore dell’inviolabilità della persona. Numerosi sono stati i riconoscimenti e le attestazioni ricevute da Rocca e Stendoro per il lavoro svolto. Tra gli altri ricordiamo i messaggi augurali dei presidenti Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano e di emeriti esponenti del mondo religioso, quali i Cardinali Martini e Tettamanzi.

Renzo Rocca , Giorgio Stendoro
Sovera Edizioni
Prezzo: € 12,00
Per informazioni www.rocca-stendoro.it